PROGETTO S.I.U.C. (STUDIO ITALIANO ULCERE CUTANEE) (1 gennaio 2015-31 dicembre 2016). Dati conclusivi

Main Article Content

Francesco Petrella *
Franca Abbritti
Francesca Bachetti
Sonia Brizzi
Michele Bruscella
Piero Baù
Mario Cala
Ferdinando Campitiello
Giovanna Capace
Massimo Calveri
Marina Comandini
Giovanni Vito Corona
Teresa Cosentino
Amarilli Croce Casalena
Cinzia Datteri
Cristiana Di Campli
Raffaele Di Nardo
Enrica Di Spirito
Filomena Discenza Spensieri
Ciro Falasconi
Michele Angelo Farina
Caterina Favaro
Domitilla Foghetti
Andrea Frasca
Manuela Galleazzi
Pierluigi Gallo
Luca Gazzabin
Ivo Gerbelle
Manuela Germano
Francesco Giacinto
Serena Giannini
Giorgio Guarnera
Klarida Hoxha
Vincenzo Labbro
Vincenzo Lauletta
Deianira Luciani
Giuseppe Maierà
Giuseppe Maccarone
Cosimo Maglio
Paolo Mascioli
Vincenzo Mattaliano
Massimo Menculini
Piermauro Miraglia
Giovanni Battista Mosti
Marcello Napolitano
Giuseppe Nebbioso
Pamela Orazi
Fabio Pacifico
Maurizio Palombi
Piergiorgio Pastore
Marina Pierangeli
Stefano Priolo
Marco Romanelli
Donatella Rossolini
Elisa Ronzullo
Maria Teresa Scalise
Patrizia Scarpelli
Piero Secreto
Claudio Solinas
Marilena Tender
Stefano Trovò
(*) Autore principale:
Francesco Petrella | info@aiuc.it

Abstract

Il SSN Italiano elabora i dati sull’attività ambulatoriale nelle strutture pubbliche esclusivamente attraverso la pesature delle prestazioni effettuate. La tipologie delle prestazioni erogabili per patologia è determinata in maniera preliminare dal Ministero della Salute. In Italia ad oggi (si resta in attesa della pubblicazioni dei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza già individuati dal Ministero della Salute) non esistono codici prestazionali riconducibili in maniera specifica all’attività specialistica ambulatoriale per la cura delle ulcere cutanee. Questa carenza rende non tracciabili tutti i pazienti che si rivolgono a queste strutture affetti da tale patologia. Discorso diverso per il ricovero ospedaliero dove i dati dovrebbero essere ricavati delle schede di dimissione. Purtroppo non sempre i dati rilevati sono espressione delle reale prevalenza delle ulcere cutanee in ambiente ospedaliero. In moltissimi casi non viene adeguatamente segnalata la prevalenza delle lesioni da pressione. Questo perché la loro comparsa in fase di ricovero è un indice di cattiva assistenza sanitaria ospedaliera. La carenza di questi dati ha come conseguenza diretta l’impossibilità per il nostro SSN di pianificare adeguati interventi in questo settore, sia dal punto di vista organizzativo che da quello economico. Si allocano scarse risorse finanziarie per la cura delle ulcere cutanee, i cui costi ricadono quasi interamente sul paziente e sulla sua famiglia. Infine non sono presenti su tutto il territorio nazionali reti assistenziali competenti per la loro cura.

I downloads mese per mese

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Articoli più letti dello stesso Autore